ristrutturare facile senza sorprese

Come ristrutturare casa senza sorprese; ecco le regole da seguire

Ristrutturare casa rappresenta senz’altro una delle attività più stressanti che vi possano capitare e che spesso si abbina e sovrappone alle quotidiane incombenze. Occorre armarsi di pazienza e procedere per passi seguendo delle regole base per evitare sorprese.

In primo luogo dovete avere le idee chiare sui lavori che intendete fare e se l’intervento richiede la modifica degli spazi interni, sarà necessario farsi affiancare da ad un tecnico, Geometra o Architetto,  che vi indicherà quali variazioni sono conformi ai Regolamenti Edilizi e d’Igiene.

Se non prevedete modifiche nella distribuzione degli spazi,  potete tentare di gestire direttamente voi, magari con l’aiuto di un amico competente, la ristrutturazione.

Partite dalla planimetria catastale allegata all’atto, in scala 1:200, riportando le misure reali sulla stessa.

Proseguite con l’elenco dei lavori che intendete fare, riportando il più minuziosamente possibile ogni dettaglio quale ad esempio: pavimenti, rivestimenti,  sanitari, porte, ecc..

Se possibile fate un computo metrico con indicate le quantità e le lavorazioni previste, questo vi aiuterà ad avere offerte omogenee e raffrontabili.

Infine chiedete un preventivo dettagliato, almeno 3, fornendo la planimetria, il capitolato ed il computo metrico. Chiedete espressamente  che vengano riportati i singoli prezzi unitari  sul computo metrico fornito, in modo che le offerte possano essere raffrontabili tra loro.

Il preventivo, allegato al contratto, può essere utilizzato quale listino prezzi di riferimento per eventuali lavorazioni aggiuntive o sottrattive.

Una volta selezionata l’impresa, salvo che non si tratti di una ditta di vostra fiducia, e bene predisporre un contratto in cui siano indicati i soggetti coinvolti (impresa e committente), l’importo totale dei lavori, le modalità di pagamento, le garanzie, le date di inizio e fine lavori, eventuali penali  e le modalità di gestione dei lavori extra e imprevisti.

In sostanza più è chiaro e definito ciò che si vuole fare minore è il rischio di incorrere in sorprese.

Ricapitolando gli elementi che contribuiscono a definire i lavori da realizzare per ottenere preventivi completi ed attendibili sono:

  1. Il progetto, sempre necessario quando è prevista la modifica di spazi interni ed esterni;
  2. Il capitolato con la descrizione dei lavori per individuare le opere e lavorazioni da realizzare;
  3. Il computo metrico che definisce le quantità delle lavorazioni e delle forniture;
  4. Il contratto che stabilisce i tempi di esecuzione, le modalità di pagamento e le garanzie.

Per realizzare un preventivo attendibile è opportuno effettuare il sopralluogo, diffidate delle imprese che vi inviano preventivi “sulla carta”.

I preventivi troppo convenienti nascondono spesso, escludendo la malafede, una insufficiente valutazione delle opere da realizzare e sono spesso abbinati a offerte “forfettarie” poco dettagliate. Variazione di oltre il 15-20% rispetto al prezzo medio dovrebbero far suonare un campanello di allarme.

In presenza di preventivi a corpo, non dettagliati e senza un contratto scritto che definisce chiaramente i rapporti tra le parti, il rischio che l’importo lavori iniziale lieviti sensibilmente è concreto.

Nei lavori di ristrutturazione è probabile che per imprevisti o lavori aggiuntivi richiesti dal committente, possano verificarsi variazioni al preventivo, con una buona documentazione contrattuale tali imprevisti si possono gestire e  contenere entro valori accettabili.

Le fornitura di pavimenti, rivestimenti, sanitari e accessori rappresentano spesso un elemento debole del contratto, le ditte indicano generalmente prodotti base “da capitolato” a basso costo per presentarsi con offerte allettanti ma successivamente in fase di scelta da parte dei clienti l’importo lievita sensibilmente. Per evitare contestazioni o sorprese è bene separare nell’offerta il costo delle forniture prevedendo la possibilità di poterle scegliere in qualsiasi show room, catena commerciale o acquisti on line,  riconoscendo contrattualmente all’impresa una maggiorazione concordata, per la gestione amministrativa, trasporto e movimentazione  al piano. In questo modo sarete liberi di scegliere i materiali dove più vi piace e conviene.

Una buona documentazione contrattuale riduce infine il rischio di contenziosi con l’impresa. Evitate il più possibile i contenziosi, anche un accordo che non vi soddisfi totalmente è sempre preferibile ad un’azione legale che, visti i tre livelli di giudizio previsti nel nostro ordinamento e  i tempi lunghi della giustizia  rappresenta una scelta da perseguire solo extrema ratio.

Edilizia libera: ecco l’elenco dei lavori che si possono eseguire senza autorizzazione

A partire dal 22 aprile è possibile eseguire lavori in edilizia senza dover effettuare alcuna comunicazione; Scia, Cila o Cil o permesso di costruzione. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 7 aprile 2018 il glossario delle opere che potranno essere svolte in edilizia libera.

La lista, composta da 58 tipologie di intervento rientranti in 12 categorie di lavori, è aperta a integrazioni e prevede che, ad esempio, non bisognerà più chiedere autorizzazione preventiva per lavori di manutenzione ordinaria come quelli di riparazione, sostituzione e rinnovamento della pavimentazione interna ed esterna, per gli impianti elettrici o ad esempio per lavori di rimozione delle barriere architettoniche e l’installazione di ascensori e montacarichi.

La semplificazione della procedura interesserà molti contribuenti interessati ad effettuare lavori di ristrutturazione in casa beneficiando delle agevolazioni fiscali previste nel 2018.

Di seguito il glossario dell’edilizia libera.

Manutenzione ordinaria

  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento di pavimentazione esterna e interna;
  • Rifacimento, riparazione, tinteggiatura (comprese le opere correlate) intonaci interni e esterni;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento di elementi decorativi delle facciate;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento di opere di lattoneria e impianti di scarico;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento di rivestimenti interni ed esterni;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento di serramenti e infissi interni ed esterni;
  • Installazione, comprese le opere correlate, riparazione, sostituzione, rinnovamento di inferriate e altri sistemi anti intrusione;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento di elementi di rifinitura delle scale;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento, inserimento di eventuali elementi accessori su scale retrattili e di arredo;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento, messa a norma di parapetti e ringhiere;
  • Riparazione, rinnovamento, sostituzione di manti di copertura;
  • Riparazione, sostituzione, installazione di controsoffitti non strutturali;
  • Riparazione, rinnovamento di controsoffitti strutturali;
  • Riparazione, sostituzione, rinnovamento, realizzazione finalizzata all’integrazione impiantistica e messa a norma di comignoli o terminali a tetto di impianti di estrazione fumi;
  • Riparazione, rinnovamento o sostituzione di elementi tecnologici di ascensori e impianti di sollevamento verticale.

Impianti 

  • Riparazione, integrazione, efficientamento, rinnovamento e/o messa a norma di impianti elettrici;
  • Riparazione, integrazione, efficientamento, rinnovamento di impianti per la distribuzione e l’utilizzazione di gas;
  • Riparazione, integrazione, efficientamento, rinnovamento, sostituzione e integrazione di impianti igienico e idro-sanitari e di impianti di scarico;
  • Installazione, riparazione, integrazione, rinnovamento, efficientamento di impianti di illuminazione esterni;
  • Installazione, adeguamento, integrazione, rinnovamento, efficientamento, riparazione e/o messa a norma di impianti destinati alla protezione antincendio;
  • Installazione, adeguamento, integrazione, efficientamento (comprese le opere correlate di canalizzazione) e/o messa a norma di impianti di climatizzazione;
  • Riparazione, adeguamento, integrazione, efficientamento (comprese le opere correlate di canalizzazione) e/o messa a norma di impianti di estrazione fumi;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e/o messa a norma di antenne e parabole e altri sistemi di ricezione e di trasmissione;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e/o messa a norma di punti di ricarica per i veicoli elettrici.

Aree pertienziali

  • Realizzazione, riparazione, sostituzione, rifacimento e intercapedini;
  • Realizzazione, riparazione, sostituzione, rifacimento di locali tombati;
  • Realizzazione, riparazione, sostituzione, rifacimento di pavimentazioni esterne, comprese le opere correlate, quali guaine e sottofondi;
  • Realizzazione, riparazione, sostituzione, rifacimento di vasche di raccolta delle acque;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di opere per arredo da giardino (ad esempio barbecue in muratura, fontane, muretti, sculture, fioriere, panche e assimilate);
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di gazebo di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo;
  • Installazione, riparazione, sostituzione e rinnovamento di giochi per bambini e spazio di gioco in genere, compresa la relativa recinzione;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di pergolati di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di ricoveri per animali domestici e da cortile, voliere e assimilate, con relativa recinzione;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di ripostigli per attrezzi, manufatti accessori di limitate dimensioni e non stabilmente infissi al suolo;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di sbarre, separatori, dissuasori e stalli di biciclette;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di tende, pergole, coperture leggere di arredo;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di elementi divisori verticali non in muratura.

Barriere architettoniche

  • Interventi edilizi che siano volti all’eliminazione di barriere architettoniche dagli edifici e che non comportino allo stesso tempo la realizzazione di ascensori esterni o di manufatti che vadano ad alterare la sostanza dell’edificio, per i quali è necessario un titolo abilitativo;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento, messa a norma, purché non incida sulla struttura portante, di ascensori e montacarichi;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento ed eventuale messa a norma di servoscala o di impianti che abbiano natura assimilabile;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di rampe;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di apparecchi sanitari e di impianti igienico e idro-sanitari;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento dei cosiddetti «dispositivi sensoriali»;
  • Movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e alle pratiche agro-silvo-pastorali, compresi interventi su impianti idrici;
  • Manutenzione e gestione di impianti di irrigazione e di drenaggio, finalizzati alla regimazione ed uso dell’acqua di agricoltura;
  • Manutenzione, gestione e livellamento di terreni agricoli e pastorali;
  • Manutenzione e gestione di vegetazione di carattere spontaneo.

Opere temporanee

  • Opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni;
  • Installazione, previa Comunicazione di inizio dell’avvio dei lavori, nonché interventi di manutenzione, riparazione e rimozione di gazebo;
  • Installazione, previa Comunicazione di avvio dell’inizio dei lavori, nonché interventi di manutenzione, riparazione e rimozione di stand fieristici;
  • Installazione, previa Comunicazione di avvio dei lavori, nonché interventi di manutenzione, riparazione e rimozione di servizi igienici mobili;
  • Installazione, previa Comunicazione di avvio dei lavori, nonché interventi di manutenzione, riparazione e rimozione di tensostrutture, pressostrutture e altre strutture che siano assimilabili a queste;
  • Installazione, previa Comunicazione avvio dei lavori, nonché interventi di manutenzione, riparazione e rimozione di elementi espositivi di varia natura;
  • Installazione, previa Comunicazione di avvio dei lavori, nonché interventi di manutenzione, riparazione e rimozione di aree di parcheggio provvisorio, purché gli interventi siano effettuati nel rispetto dell’orografia dei luoghi e della vegetazione ivi presente.

Altri interventi

  • Pannelli fotovoltaici a servizio degli edifici da realizzare al di fuori del perimetro dei centri storici;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di pannelli solari, fotovoltaici e generatori microeolici;
  • Interventi di installazione delle pompe di calore aria-aria di potenza termica utile nominale inferiore a 12 kW;
  • Manufatti leggeri posti all’interno di strutture ricettive;
  • Installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, camper, case mobili, imbarcazioni, in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto, paesaggistico, in conformità alle normative regionali di settore;
  • Installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento di serre compresi elementi di appoggio e/o di ancoraggio;
  • Depositi di gas di petrolio liquefatti di capacità complessiva non superiore a 13 mc: installazione, riparazione, sostituzione, rinnovamento e messa a norma degli impianti;
  • Attività di ricerca nel sottosuolo. Installazione, riparazione, sostituzione e rinnovamento di opere strumentali all’attività di ricerca nel sottosuolo attraverso carotaggi, perforazioni e altre metodologie.

Detrazioni fiscali per la casa 2018

La Legge di bilancio per il 2018, che include tutte le novità inerenti le detrazioni fiscali per la casa, è stata approvata dal Parlamento il 23 dicembre scorso ed è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2017.
La Legge è entrata in vigore il 1° gennaio 2018.

Durante l’iter di approvazione della Legge si sono susseguite varie modifiche e correzioni alla bozza formulata inizialmente, alcune addirittura sono subentrate all’ultimo minuto.
Di seguito le principali novità riguardanti le detrazioni per la casa contenute nel testo definitivo.

Novità Ecobonus 2018
La Legge di bilancio per il 2018, al comma 3, lettera a), proroga fino al 31 dicembre 2018 la detrazione fiscale per gli interventi di risparmio energetico, detta anche ecobonus.

A partire dal 2018 l’ecobonus è stato ridotto dal 65% al 50% per alcuni interventi specifici:

1- l’acquisto e posa in opera di serramenti comprensivi di infissi;

2- l’acquisto e posa in opera di schermature solari;

3- la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori alimentati da biomasse combustibili;

4- la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n.811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013.

Solo nel caso in cui l’intervento si accompagni alla contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02 si può applicare una percentuale di detrazione pari al 65%.

La Legge di bilancio 2018 per gli impianti di climatizzazione prevede che la detrazione sul risparmio energetico si applichi in percentuale pari al 65% anche per la sostituzione con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro o con generatori d’aria calda a condensazione.

Sono invece esclusi dall’ecobonus gli impianti di climatizzazione invernale dotati di caldaia a condensazione con efficienza inferiore alla classe A.

Dal 1° gennaio 2018 è poi introdotto un nuovo intervento detraibile con ecobonus con percentuale di detrazione al 65%: l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti.
La detrazione è ammessa per spese sostenute nel 2018, fino a un valore massimo di detrazione , non di spesa, di 100.000 euro.
È però necessario che l’intervento conduca a un risparmio di energia primaria complessivo pari almeno al 20%.

Altre novità per l’ecobonus 2018:

– estensione della detrazione agli Istituti autonomi per le case popolari;

– possibilità di cessione del credito anche per interventi di riqualificazione energetica effettuati sulle singole unità immobiliari.

Resta in vigore tutto quanto precedentemente previsto e non modificato.

Nuovo Bonus per rischio sismico e risparmio energetico parti condominiali 2018

La Legge di bilancio 2018 introduce un’importante novità a favore di interventi su parti comuni condominiali.

Per le spese relative agli interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, spetta, in alternativa all’ecobonus e al sismabonus, una detrazione:

– nella misura dell’80%, ove gli interventi determinino il passaggio a una classe di rischio inferiore;

– nella misura dell’85%, ove gli interventi determinino il passaggio a due classi di rischio inferiori.

La detrazione è ripartita in dieci quote annuali di pari importo e si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari di ciascun edificio.

Bonus ristrutturazioni 2018

Legge di bilancio 2018 proroga fino al 31 dicembre 2018 la detrazione per gli interventi di ristrutturazione edilizia di immobili a uso abitativo.

Restano invariate tutte le norme precedentemente in vigore, tra cui il tetto massimo di spesa (96.000 euro) e anche la percentuale di detrazione (50%).

Unica novità per il 2018 è l’estensione della detrazione agli Istituti autonomi per le case popolari.

Si rimanda per gli interventi ammessi alle detrazioni all’elenco riportato dall’agenzia delle Entrate nella Guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali” .

Bonus mobili ed elettrodomestici 2018

Collegato ai lavori di ristrutturazione è stato prorogato anche il bonus mobili fino al 31 dicembre 2018.

Si tratta della detrazione per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ ovvero A per i forni.

I mobili ed elettrodomestici acquistati nel 2018 dovranno riferirsi a immobili i cui lavori di ristrutturazione sono iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2017.

Resta invariato il tetto massimo di spesa pari a 10.000 euro, con una percentuale di detrazione fissa del 50%.

Bonus mobili giovani coppie

La Legge di bilancio per il 2018 non proroga il bonus mobili per le giovani coppie, che non sarà più in vigore per il 2018.

Nuovo Bonus verde 2018

Al comma 12, la Legge di bilancio 2018 introduce una nuova detrazione per la sistemazione degli spazi verdi esterni, ormai detta bonus verde.

Gli interventi ammessi al bonus verde riguardano nello specifico:
– la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione di pozzi;
– la realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Il bonus è ammesso fino a una spesa massima di 5.000 euro per ogni unità immobiliare, con una percentuale di detrazione fissa pari al 36%, è ripartito in dieci quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi.

Il bonus verde è esteso anche a interventi su parti esterne condominiali, fino a un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo.

Nel bonus verde possono anche rientrare le spese di progettazione e manutenzione connesse agli interventi indicati, sia che si tratti di spazi verdi privati sia condominiali.
I pagamenti devono essere effettuati con strumenti idonei a garantire la tracciabilità della spesa.

Detrazione polizze calamità 2018

La Legge di bilancio 2018 introduce al comma 768 la detrazione IRPEF pari al 19% dei premi assicurazioni relativi al rischio di eventi calamitosi per le unità immobiliari a uso abitativo.

La misura agevolativa si applica solo per le polizze stipulate a decorrere dal 1° gennaio 2018.

Ristrutturazione Low cost: come e quando conviene

Prima di decidere se ristrutturare il vostro immobile ponetevi una semplice domanda:

  • è l’abitazione “definitiva” o “temporanea”?

Se la risposta è “definitiva”, quindi si tratta della casa in cui pensate di passare molti anni della vostra vita, optate per un intervento di ristrutturazione integrale, potrete recuperare il 50% (in 10 anni) delle spese sostenute, sfruttando le detrazioni  fiscali prorogate per tutto il 2016, e godere dei risparmi energetici derivanti dalle migliorie apportate.

Se invece si tratta di una sistemazione “temporanea”, o da mettere a reddito la ristrutturazione low cost  fa per voi. Potrete comunque usufruire delle detrazioni fiscali (per gli interventi che rientrano tra quelli ammessi) e contenere sensibilmente i costi dell’intervento.

La ristrutturazione completa o integrale prevede, oltre all’eventuale diversa distribuzione degli spazi interni, il rifacimento e la messa a norma di tutti gli impianti idrotermosanitari ed elettrici, la sostituzione degli infissi esterni con finestre termoisolanti,  la sostituzione delle porte interne, il rifacimento di pavimenti e rivestimenti ed infine la tinteggiatura. A questi interventi “standard” si possono aggiungere l’impianto di allarme, l’impianto di condizionamento, la rete LAN cablata, l’impianto TV e satellitare e molto altro ancora.

In sostanza rimane solo l’involucro dell’immobile, tutto il resto viene sostituito o integrato. I costi variano molto a secondo degli impianti, materiali e finiture scelte: si parte dai 500,00 €/mq e si possono oltrepassare facilmente i 1.000,00 €/mq.

La soluzione low cost  prevede di effettuare lavorazioni meno integrali, limitando l’intervento essenzialmente agli aspetti estetici/funzionali. Di solito consiste nel rifacimento completo del bagno sostituendo pavimenti,  rivestimenti, sanitari e rubinetterie e spesso si sostituisce la vasca con una più funzionale doccia. La  cucina viene in molti casi  unita al soggiorno abbattendo il muro di separazione  in modo da creare un unico grande ambiente. I nuovi pavimenti sia che abbiate scelto il parquet, sempre più gettonato, che il gres vengono posati  su quello esistente.

A completamento la sostituzione delle porte interne e la tinteggiatura finale danno un’immagine più moderna ed attuale all’ambiente.

Se non presente occorre sempre  installare il portoncino blindato che rappresenta la più valida difesa antintrusione. Per quanto concerne l’impianto elettrico se  i cavi sono già del tipo a treccia (morbidi) ed è presente la rete di terra può essere sufficiente sostituire le placche per dare un’immagine più attuale.

Infine la scelta dei materiali dovrà essere limitata a prodotti commerciali  con prezzi di fascia bassa, limitazione che tuttavia non pregiudicherà un buon  risultato finale.

In generale le fasce dei materiali  (sanitari, rubinetti, rivestimenti, pavimenti, porte interne, ecc.) si possono raggruppare in tre macro categorie:

  • prodotti a prezzo;
  • prodotti di marca;
  • prodotti di design.

I prodotti a prezzo, spesso definiti di “capitolato” sono molto convenienti, di marche sconosciute e qualità non verificata nel tempo ma il risparmio può arrivare anche ben oltre  il 50% rispetto ai prodotti di marca.

I prodotti di marca sono conosciuti ed affidabili, anche a distanza di molti anni è possibile trovare ricambi e pezzi per la manutenzione.

Con i prodotti di design entriamo nell’area del “gusto” ogni valutazione e relegata a cosa piace di più, spesso rinunciando anche a funzionalità essenziali: al cuor non si comanda. Il  prezzo può risultare anche oltre  10 volte superiore rispetto ai prodotti di primo prezzo.

L’effetto complessivo che si ottiene con una ristrutturazione low cost scegliendo i materiali ed i giusti abbinamenti risulta simile a quello che si può ottenere con una ristrutturazione completa ma, con un costo assai più contenuto, che può variare tra i 250,00 e 500,00 €/mq.

Anche dal punto di vista commerciale i costi della ristrutturazione low cost si recuperano assai più facilmente nel caso di vendita dell’immobile, mentre per una ristrutturazione completa i maggiori costi sostenuti si recuperano nel tempo.

A voi la scelta se è la casa “per sempre” approfittate dei vantaggi fiscali validi ancora per tutto il 2016 e fate una ristrutturazione completa mentre se si tratta di una sistemazione temporanea o da mettere a reddito un risparmio immediato potrebbe essere la scelta giusta.

Cose da sapere prima di iniziare

Prima di iniziare i lavori di ristrutturazione della tua casa consulta un professionista, Architetto, Geometra o Ingegnere edile che ti darà una visione complessiva sui permessi da richiedere, normative tecniche e fiscali e ti fornirà l’assistenza nella scelta delle soluzioni possibili.

Il tecnico ti fornirà inoltre un’indicazione di massima dei tempi e dei costi da sostenere e, se lo richiedi, predisporrà la documentazione necessaria: disegni capitolato e computo metrico, per ottenere i preventivi dalle imprese.

Leggi di più “Cose da sapere prima di iniziare”

Il “Milleproroghe” è diventato legge. Le novità nell’edilizia

Il 24 febbraio scorso è stato convertito in legge il decreto-legge 30 dicembre 2015, n. 210, conosciuto anche come disegno di legge “Milleproroghe”, in quanto contiene una serie di proroghe ai termini previsti da disposizioni legislative.

Leggi di più “Il “Milleproroghe” è diventato legge. Le novità nell’edilizia”

Il mercato immobiliare risale la china

Finalmente dopo molti anni di stagnazione è iniziata la ripresa del mercato immobiliare.
Il mercato immobiliare sta finalmente uscendo dalla lunga crisi degli ultimi anni e sembra avviarsi verso una fase caratterizzata da stabilità dei prezzi e aumento delle transazioni.

Sistemi di allarme e antintrusione

Prima di scegliere il sistema si sicurezza più adatto alle nostre esigenze facciamo delle considerazioni di carattere generale. I sistemi di sicurezza si suddividono in due macro categorie:

  • sistemi passivi quali ad esempio porte blindate, inferriate, serrature antintrusione;
  • sistemi attivi tra cui impianti di allarme, rilevatori, telecamere, ecc..

Spesso vengono utilizzati entrambi in abbinamento.

Leggi di più “Sistemi di allarme e antintrusione”